Come il capitalismo “Just-in-Time” ha diffuso il COVID-19

Come il capitalismo “Just-in-Time” ha diffuso il COVID-19

Come il capitalismo “Just-in-Time” ha diffuso il COVID-19

1920 1080 Kim Moody

Il capitalismo ha accelerato la trasmissione delle malattie. Storicamente, la maggior parte delle epidemie si è diffusa geograficamente attraverso due forme comuni di movimento umano a lunga distanza: il commercio e la guerra. I tempi, tuttavia, sono cambiati drasticamente con l’ascesa del capitalismo.

Nel Medioevo ci volle una decina di anni perché la peste nera (peste bubbonica) si diffondesse dalla Cina attraverso le vie della seta e le conquiste mongole in Europa. Poi, anni per spostarsi dalla Sicilia alla Gran Bretagna e oltre, attraverso le rotte commerciali stabilite e il movimento degli eserciti durante la Guerra dei Cent’anni. Con il capitalismo ormai consolidato, l'”influenza spagnola” del 1918 si diffuse in mesi dalla Spagna, attraverso la Francia alla Gran Bretagna entro la metà di giugno, e poi negli Stati Uniti e in Canada a settembre. In gran parte ha seguito il corso delle linee di battaglia, dei movimenti delle truppe e della logistica militare durante la Prima guerra mondiale.

Nell’era della logistica just-in-time, ci vollero pochi giorni perché il coronavirus si diffondesse da Wuhan ad altre città cinesi a centinaia di chilometri di distanza. Ci sono volute solo due settimane per spostarsi oltre la Cina, contemporaneamente lungo le principali linee di rifornimento, le rotte commerciali e di viaggio aereo verso le enclavi industriali e imprenditoriali dell’Asia orientale, il Medio Oriente devastato dalla guerra e produttore di petrolio, e infine l’Europa industriale, il Nord America e il Brasile.

Al 3 marzo aveva già colpito 72 paesi. Seguendo le principali rotte della supply chain, inizialmente ha bypassato la maggior parte dell’Africa e gran parte dell’America Latina, anche se ora si è spostata anche in quei continenti, con un rischio potenzialmente ancora maggiore per la vita.

LA PANDEMIA VIAGGIA LUNGO I CIRCUITI DELLA CAPITALE

Come ha sottolineato il guru della logistica del MIT, Yossi Sheffi, in The Power of Resilience, “La crescente interconnessione dell’economia globale la rende sempre più soggetta al contagio. Eventi contagiosi, tra cui problemi medici e finanziari, possono diffondersi attraverso reti umane che spesso sono fortemente correlate con le reti della catena di fornitura”.

Infatti, Dun & Bradstreet stima che 51.000 aziende in tutto il mondo hanno uno o più fornitori diretti a Wuhan, mentre 938 delle 1000 aziende di Fortune hanno uno o due fornitori di primo livello nella regione di Wuhan. L’enfasi posta negli ultimi due o tre decenni sulla produzione snella, sulla consegna just-in-time e, più recentemente, sulla “concorrenza a tempo”, insieme all’aggiornamento delle infrastrutture di trasporto e distribuzione, ha accelerato la velocità di trasmissione.

Un esperto della Johns Hopkins in Italia ha dichiarato: “Pensando alle nostre catene del valore – o al modo in cui le industrie producono le merci – gli europei sono molto più integrati l’uno con l’altro di quanto spesso pensano. Se un paese europeo è gravemente colpito, il problema si trasferisce molto rapidamente a tutti gli altri”.

Questo spiega perché la mappa di tracciamento del Johns Hopkins Coronavirus Resource Center, che mostra le concentrazioni di infezione negli Stati Uniti, rispecchia le mappe simili degli studi della Brookings Institution sulle concentrazioni di produzione, i centri di trasporto e i magazzini. Questa è l’ennesima indicazione che questo virus si è mosso attraverso i circuiti del capitale e degli esseri umani che vi lavorano, e non solo per una trasmissione “comunitaria” casuale.

CATENE DI APPROVVIGIONAMENTO IN CORTO CIRCUITO

La carenza di dispositivi di protezione individuale (DPI) in molti paesi, in particolare le maschere respiratorie N95, essenziali per un lavoro sanitario sicuro, è di per sé il risultato di decenni di outsourcing della produzione. Imprese come 3M, Honeywell e Kimberley-Clark hanno spostato la produzione in Cina e in altri paesi a basso reddito alla ricerca di maggiori profitti.

Il Washington Post documenta che “Fino al 95 per cento delle maschere chirurgiche sono prodotte al di fuori degli Stati Uniti continentali, in luoghi come la Cina e il Messico”. Di conseguenza, un importante distributore di apparecchiature mediche ha osservato a marzo: “La disponibilità di N95 Respirators’ Est. è prevista per aprile-maggio. Molti sono prodotti in Cina e potrebbero esserci ulteriori ritardi”.

Non sorprende che l’ex consigliere di Trump e commentatore dell’alt-right Steve Bannon abbia colto l’occasione per promuovere la sua agenda xenofoba. Tuttavia, il fallimento degli Stati Uniti, o di qualsiasi altro paese, nel produrre attrezzature mediche di emergenza a portata di mano in modo che equipaggiamenti come la 3M possano aumentare i profitti è chiaramente sia immorale che sconsiderato.

L’impatto del virus, a sua volta, si è presto rivalso sulle stesse vie attraverso le quali si è diffuso, interrompendo la produzione e le catene di fornitura in modo complesso. All’inizio di marzo, il 9 per cento delle flotte mondiali di container erano inattive – e questa percentuale è certamente aumentata. Secondo un rapporto dell’Unctad di marzo, la produzione manifatturiera cinese è diminuita del 22 per cento a febbraio.

Lo stesso rapporto dimostra che i Paesi o le regioni economicamente più colpiti dalle perturbazioni delle catene del valore globali con origine in Cina sono stati (in ordine di grandezza): UE, USA, Giappone, Corea del Sud, Vietnam, Taiwan e Singapore – tutti tra i più colpiti dal virus nelle fasi iniziali. Le esportazioni cinesi sono diminuite del 17% a gennaio e febbraio. A metà marzo, il porto di Los Angeles era operativo al 50 per cento, e Long Beach al 25-50 per cento, principalmente a causa della chiusura degli impianti in Cina, secondo il Financial Times.

SPREMERE I LAVORATORI ESSENZIALI

Le risposte del governo negli Stati Uniti, in particolare, sono state pensate per rilanciare l’economia nell’unico modo che sia i politici neoliberali che gli “esperti” della Trump Administration conoscono: sovvenzionare le imprese e ridurne i costi. Oltre al ben noto orientamento pro-business del pacchetto di “stimolo” da 2.000 miliardi di dollari di Trump, la reazione del governo a sostegno del capitale negli Stati Uniti ha incluso il richiamo ai lavoratori a rimanere sul posto di lavoro, combinato con uno tsunami di deregolamentazione per le imprese.

La determinazione del Dipartimento della Sicurezza Nazionale (DHS) (non del CDC) su chi deve continuare a lavorare come manodopera “essenziale” è talmente vasta da includere praticamente l’intero motore del profitto capitalista. Inavvertitamente, naturalmente, il DHS ci ha ricordato quanto l’intera classe operaia sia essenziale per il funzionamento della società nei periodi buoni o cattivi.

Questo vale anche per i più alti esponenti dell’alta tecnologia come Amazon, dove, ci viene costantemente detto, i robot fanno tutto. Mentre alcuni lavoratori di Amazon protestano e circa il 30 per cento resta a casa, l’azienda cerca di assumerne migliaia per colmare il divario. Come riporta il New York Times: “Per tutta la sua sofisticazione high-tech, la vasta attività di e-commerce di Amazon dipende da un esercito di lavoratori che operano in magazzini che ora temono siano contaminati dal coronavirus”.

Per alleviare ulteriormente l'”onere” (cioè il costo) della regolamentazione delle attività commerciali, l’EPA ha sospeso l’applicazione di tutte le norme ambientali (nonostante la crisi climatica in corso), mentre l’Amministrazione federale delle ferrovie ha emesso una deroga d’emergenza a numerose norme di sicurezza. Il NLRB ha sospeso tutte le elezioni delle rappresentanze sindacali, comprese quelle per corrispondenza.

La Federal Motor Carrier Safety Administration (FMCSA) ha concesso “un risarcimento compensativo per le ore di servizio ai conducenti di veicoli commerciali che trasportano aiuti d’emergenza….”. Questo ovviamente significa ore di viaggio più lunghe. L’elenco della FMCSA degli articoli trattati come aiuti “d’emergenza” è molto completo e comprende materie prime, carburante, prodotti in carta e plastica e forniture mediche dirette. Ai camionisti che entrano ed escono da New York City, l’epicentro del virus negli Stati Uniti, è stato detto di continuare come al solito, ma di essere sicuri di “socializzare a distanza” e di lavarsi le mani.

Nonostante il crollo economico, iniziato già prima dell’epidemia, e il fatto che i primi diciassette casi negli Stati Uniti siano stati contati ufficialmente a gennaio, la BLS ha riferito che a febbraio l’occupazione non agricola è aumentata e la disoccupazione è rimasta stabile. L’assistenza sanitaria, il governo, i servizi alimentari, l’edilizia e, naturalmente, i servizi finanziari erano tutti in aumento, mentre “l’occupazione in altre grandi industrie, tra cui l’industria mineraria, manifatturiera, il commercio all’ingrosso, il commercio al dettaglio, il trasporto e il magazzinaggio, e l’informazione, è cambiata poco nel corso del mese”. Le ore medie settimanali sono aumentate dello 0,3 per cento a febbraio.

Transport Topics, il giornale dei manager dei camionisti, ha scritto: “Mentre l’America è alle prese con il coronavirus e la vita quotidiana è alterata, i camionisti della nazione sono tra coloro che stanno rischiando la loro salute personale e fanno il duro lavoro per mantenere i prodotti in movimento verso i negozi, gli ospedali e altrove”. L’American Trucking Association (ATA) riferisce che il tonnellaggio dei camion è aumentato dell’1,05 per cento a gennaio e dell’1,8 per cento a febbraio, il che significa che, in effetti, i camionisti stanno “mettendo a rischio la loro salute personale”.

Mentre il traffico merci su rotaia è in calo da un paio d’anni, l’Associazione delle ferrovie americane (AAR) osserva che tre categorie di merci sono aumentate nel 2020 (prodotti chimici, alimentari e carichi vari) e “i volumi intermodali delle ferrovie che servono i porti della costa occidentale che ricevono la maggior parte delle importazioni dalla Cina sembrano essersi stabilizzati nelle ultime quattro settimane, indicando che potremmo aver visto il peggiore degli impatti della COVID-19 sul commercio asiatico”.

Questo è altamente improbabile. Infatti, a marzo i lavoratori delle linee di trasporto merci Union Pacific e Canadian Pacific avevano già preso il virus. Il servizio postale statunitense ha segnalato 111 casi di COVID 19, mentre oltre 300 lavoratori del sistema di transito di New York City hanno contratto il virus entro aprile. Una nuova economia “gigantesca” si sta diffondendo in modo virale come il noleggio a domicilio di abiti con Instacart, Amazon e Walmart a migliaia di persone e l’accumulazione di grandi quantità di dollari da parte di cittadini isolati e spaventati a casa.

LICENZIAMENTI DI MASSA, DISOCCUPAZIONE DELL’ERA DELLA DEPRESSIONE E DISUGUAGLIANZA VIRALE

Questo quadro cambierà certamente rapidamente man mano che il commercio globale rallenta e sempre più attività sono costrette a frenare o a fermarsi a causa di malattie, “distanziamento sociale”, serrate e autoisolamento. Da un lato, milioni di lavoratori non avranno altra scelta se non quella di lavorare più a lungo rischiando di contrarre infezioni, mentre milioni di altri si trovano ad affrontare la disoccupazione e la povertà. Ancora più del solito, i lavoratori sono dannati se lo fanno e dannati se non lo fanno.

Con un calo improvviso dell’occupazione superiore a quello del 2008, l’Istituto di politica economica stima che entro luglio andranno persi circa 20 milioni di posti di lavoro. Già 10 milioni di lavoratori hanno fatto domanda per l’assicurazione contro la disoccupazione all’inizio di aprile. Il New York Times stima che il tasso di disoccupazione sia già del 13 per cento, il più alto tasso ufficiale dalla Grande Depressione degli anni Trenta. Inoltre, come sostiene l’economista Michael Roberts, questo è molto probabilmente solo l’inizio di una più profonda recessione globale.

Tuttavia, il fatto che così tante persone dovranno continuare a lavorare per datori di lavoro privati durante l’epidemia ci ricorda sia che il desiderio del capitale di continuare a fare profitti dipende da questi lavoratori, sia che la “silenziosa costrizione delle relazioni economiche” cui è sottoposta la maggior parte dei lavoratori costretti a vivere “di stipendio in stipendio”, è viva e vegeta in questa crisi sanitaria mortale.

Inoltre, mentre alcuni amano dire che il coronavirus non discrimina – dopo tutto, il primo ministro britannico Boris Johnson è in terapia intensiva al momento di scrivere – il suo impatto è altamente disuguale. A New York, il New York Times riporta: “Diciannove dei 20 quartieri con la più bassa percentuale di test positivi sono stati registrati nelle zone più ricche”.

Come spiegano gli esperti del Johns Hopkins Coronavirus Resource Center, “Sebbene frustrante ma gestibile per molte persone, la ricaduta economica dell’allontanamento sociale è brutale per i più poveri, i più vulnerabili e gli emarginati della nostra società”.

Tra i più colpiti ci sono quelli vicini o in fondo alla catena di approvvigionamento alimentare della nazione – i lavoratori agricoli e quelli in magazzino sparsi in tutto il paese che raccolgono e spostano i raccolti per lo più stagionali. La maggior parte di questi lavoratori sono immigrati senza documenti. Ironia della sorte o cinismo, sono stati dichiarati lavoratori essenziali, a indicare che l’economia dipende dal fatto che restino a lavoro, dove sono vulnerabili al virus.

Allo stesso tempo, sono ancora soggetti a rimpatrio. A volte, ricevono lettere dai datori di lavoro che li dichiarano essenziali per potersi recare al lavoro, ma queste non proteggono dalla espulsione, soprattutto quando cessano di essere essenziali agli occhi del governo o alla fine della stagione. È uno scandalo che gli Stati Uniti non abbiano concesso la residenza legale a loro e ad altri in questa posizione, come ha fatto il governo del Portogallo.

LOTTA DI CLASSE IN TEMPO DI PANDEMIA E RECESSIONE

Nella stragrande maggioranza delle proteste dei lavoratori in tutto il mondo spiccano due questioni: PTO – Paid Time Off (Assenze Retribuite) e PPE – Personal Protective Equipment (Dispositivi di Protezione individuale), le due P della lotta di classe al tempo della peste. Il pacchetto coronavirus del Congresso prevede due settimane di ferie retribuite per chi è affetto dal virus, ma solo per chi è impiegato da aziende con meno di 500 dipendenti. Questo esclude quasi la metà della forza lavoro del settore privato, e non esiste un obbligo per i PPE.

I lavoratori dei call center, dei servizi di consegna, di UPS, degli ospedali, delle ferrovie e di altri settori richiedono sia il PTO che i PPE necessari ai datori di lavoro che parlano di sicurezza ma non riescono a fornire immediatamente ciò di cui i lavoratori hanno bisogno.

Il Railroad Workers United ha fatto circolare una risoluzione per chiedere questi punti essenziali. Una petizione promossa da Teamsters per Democratic Union si è aggiudicata due settimane di ferie pagate per i lavoratori dell’UPS se essi, o un membro della loro famiglia, dovessero contrarre il virus. I lavoratori di Starbucks hanno chiesto di non essere chiamati “essenziali” e di ottenere permessi retribuiti.

I lavoratori delle consegne, della vendita al dettaglio e del magazzinaggio hanno fatto un passo avanti nella lotta per le due “P”. I membri dell’UFCW in sciopero nei negozi di alimentari dell’Ohio hanno chiesto un congedo di malattia pagato. I camionisti di un magazzino Kroger a Memphis hanno scioperato dopo che a un collega è stato diagnosticato il coronavirus. I lavoratori di Instacart che consegnano a domicilio il cibo hanno scioperato in tutti gli Stati Uniti per l’attrezzatura di sicurezza e il PTO per coloro che hanno problemi di salute.

Azioni simili si sono verificate nelle sedi di McDonald’s a Tampa, St. Louis, Memphis, Los Angeles e San Jose, mentre i lavoratori di Amazon a Staten Island hanno lasciato il posto lunedì 30 marzo. Amazon ha finalmente concesso ai suoi magazzinieri un periodo di permesso dopo che i lavoratori degli stabilimenti di Chicago hanno presentato una petizione e hanno manifestato al lavoro per la PTO.

Anche i lavoratori del settore manifatturiero sono intervenuti. Cinquanta lavoratori non sindacalizzati del settore avicolo di uno stabilimento di Perdue Farms in Georgia hanno scioperato, dichiarando di essere stanchi di “rischiare la vita per i polli”. La metà dei lavoratori dei cantieri navali di General Dynamics’ Bath non si è recata al lavoro quando un lavoratore ha preso il virus.

I lavoratori della Fiat-Chrysler di Sterling Heights, Michigan e Windsor, Ontario, hanno scioperato chiedendo la chiusura degli stabilimenti. Anche i produttori di ricambi auto dell’American Axle hanno interrotto i lavori per chiedere il PTO. Gli abitanti della IUE-CWA hanno chiesto non solo PPE, ma che la General Electric abbandoni la normale produzione e utilizzi impianti inattivi per produrre i ventilatori necessari per le vittime del coronavirus.

Naturalmente, i militanti americani che lavorano nel campo dell’istruzione hanno assunto un ruolo di primo piano nella lotta per la protezione. Il sindacato degli insegnanti di Chicago e gli operatori sanitari del SEIU in quella città si sono uniti per chiedere quindici giorni di ferie pagate e la consegna a domicilio di cibo.

Il sindacato degli insegnanti di Los Angeles ha chiesto “uno stipendio settimanale in caso di calamità, affinché i genitori rimangano a casa con i loro figli”. Gli insegnanti di New York City del Movement for Rank-and-File Educators (MORE) della Federazione Unita degli Insegnanti hanno organizzato una astensione per malattia e hanno avuto un ruolo nel costringere la città a chiudere le scuole.

I lavoratori della nettezza urbana di Pittsburgh hanno smesso di raccogliere la spazzatura, chiedendo il PPE. Gli operatori sanitari canadesi di Hamilton, Ontario, hanno smesso di lavorare, chiedendo il PPE e che i rifiuti organici fossero imbustati prima della raccolta. Gli autisti degli autobus di Birmingham, Alabama, si sono rifiutati di percorrere le linee regolari fino a quando la direzione non ha accettato di fornire il PPE, di eliminare la riscossione dei biglietti e di fornire permessi retribuiti per chi è affetto dal virus.

IMPARARE NUOVE PRATICHE DI LOTTA

La diffusione del coronavirus ha contribuito a mostrare come i luoghi di lavoro odierni siano oggi interconnessi. Trump cerca di far andare avanti l’economia facendo sì che il DHS riqualifichi quasi tutti i lavoratori come “essenziali”. Questo rende chiaro che i circuiti del capitale e del lavoro collegano i lavoratori di tutto il mondo e di tutta la città.

I produttori cinesi di maschere N95 si collegano con le infermiere di New York, i lavoratori di Amazon nella contea di Will, Illinois, con i conducenti di UPS a Chicago. I lavoratori delle ferrovie, degli autotrasporti e delle poste sono in contatto con quasi tutti. Le azioni dei lavoratori, anche se limitate, possono avere un impatto che va oltre l’immediato posto di lavoro nel mondo del Just-In-Time di oggi.

Non si può produrre alcun bene, non si può fornire alcun servizio, se le cose che permettono queste attività non sono fatte e spostate dalla mano del lavoro. Se i circuiti del capitale e del lavoro hanno contribuito a diffondere questa malattia, anche le azioni dei lavoratori lungo questi collegamenti possono contribuire a creare un nuovo ordine di rapporti di potere di classe all’indomani dell’epidemia.

Così come molte persone hanno mostrato solidarietà disinteressata con gli altri in questa crisi, così la solidarietà trasversale ai datori di lavoro, all’industria, all’occupazione e alle linee nazionali sarà necessaria per lottare per un mondo migliore nell’era post-pandemica.

“Le cose non saranno mai più le stesse”, dicono molti commentatori. Ci saranno grandi cambiamenti, per essere sicuri, ma a meno che non siano spinti dal basso dalle azioni della stragrande maggioranza, è più probabile che siano del tipo “Le cose devono cambiare per rimanere le stesse”. Le compagnie cambieranno forma man mano che le aziende andranno in crisi, le fusioni abbondano, le catene di fornitura sono razionalizzate, la forza lavoro è tagliata, i fondi governativi si riversano nelle casse delle aziende e i profitti riprendono a crescere.

Ma difficilmente abbandoneranno le prerogative del management o gli azionisti a breve termine. Sia i governi conservatori che quelli liberali spenderanno come i keynesiani in tempo di guerra per sostenere i profitti delle aziende.

Ma sopperiranno ai redditi persi da milioni di lavoratori? Consentiranno la rappresentanza sindacale? Riusciranno a reintegrare anche quelle norme ambientali e di sicurezza a cui hanno “rinunciato”, tanto meno a prepararsi per la prossima epidemia o a prendere misure concrete per evitare una catastrofe climatica?

A meno che non ci sia una massiccia spinta dal basso, le relazioni di potere insite nei rapporti sociali di produzione del capitalismo e la loro estensione attraverso la “società civile” e il governo, saranno riaffermate come lo sono state dopo il 2008. Nonostante le speranze di molti e le ovvie differenze tra i candidati, la politica monetaria che oggi negli Stati Uniti è la norma le garantirà in un modo o nell’altro, a prescindere da chi vincerà le elezioni di novembre. Spetterà a quei lavoratori “essenziali” creare un nuovo rapporto di forza sociale e un mondo sano e sostenibile.


Questo articolo è apparso inizialmente su Spectre Journal l’8 April 2020 ed è consultabile qua.