Il Coronavirus sta accelerando l’Amazonificazione del Pianeta

Il Coronavirus sta accelerando l’Amazonificazione del Pianeta

Il Coronavirus sta accelerando l’Amazonificazione del Pianeta

680 383 Brian Merchant

Ci sono sempre soggetti che prosperano in tempi di crisi, e lo stesso vale per la nostra pandemia globale in continua accelerazione. Per i produttori di carta igienica e le catene di supermercati e, ad esempio, per una coppia di fratelli truffatori che vendono Purell con un osceno marchio, il coronavirus è stato un bene per gli affari. Ma i maggiori beneficiari a lungo termine potrebbero essere Amazon e le aziende tecnologiche che seguono la sua linea di condotta. Lunedì, il rivenditore online ha annunciato di aver assunto centomila lavoratori a 17 dollari l’ora minimo – 2 dollari in più del solito – per soddisfare la domanda esplosiva di acquirenti socialmente distanti. Gran parte del resto dell’economia, naturalmente, è in fase di contrazione: Le compagnie aeree e gli hotel sono vuoti, le piccole imprese si stanno prosciugando, e l’industria dei servizi sta registrando licenziamenti di massa. Camerieri, baristi, parrucchieri, negozianti locali – milioni di americani sono, fino a nuovo ordine, senza lavoro. Amazon stessa ha chiuso il suo servizio alle aziende che forniscono prodotti e servizi non essenziali, colpendo innumerevoli imprese. Il Segretario del Tesoro statunitense Steve Mnuchin ha avvertito il Congresso che senza un pacchetto di stimoli di rilievo, la disoccupazione potrebbe aumentare fino al 20% entro la fine della pandemia. Un lavoratore su cinque dice di essere stato licenziato o di aver subito una riduzione delle ore di lavoro. I ristoranti stanno fallendo, in fretta. La società di intelligence finanziaria Moody’s Analytics stima che quasi la metà dei posti di lavoro americani sono a rischio.

Amazon è ben consapevole della distruzione economica in atto al di fuori delle sue mura e la rende centrale per le sue assunzioni: “Sappiamo anche che molte persone hanno subito un impatto economico in quanto i posti di lavoro in aree come l’ospitalità, i ristoranti e i viaggi sono andati persi o sono stati sospesi in seguito a questa crisi”, ha scritto Dave Clark, vice presidente senior di Amazon Worldwide Operations, nel comunicato di assunzioni della società. “Vogliamo che queste persone sappiano che le accogliamo nei nostri team fino a quando le cose non torneranno alla normalità e il loro passato datore di lavoro non sarà in grado di riportarle indietro”. Naturalmente, a seconda dell’entità dei danni economici che il Covid-19 provoca, potrebbe non accadere mai. In uno scenario così terribile, le mosse di Amazon di questa settimana potrebbero rivelarsi simboliche per un trasferimento permanente dei posti di lavoro tradizionali delle piccole imprese locali verso un lavoro part-time e inaffidabile per i giganti della tecnologia che distribuiscono prodotti e servizi attraverso piattaforme online – l'” Amazonificazione” della nostra economia.

Questa amazonificazione è già in corso. Lo spostamento del consumatore verso i rivenditori online, lontano dai centri commerciali e dalle boutique, è stato per anni oggetto di perplessità e previsioni e, semmai, l’evoluzione è stata più lenta di quanto molti temessero. Walmart, dopo tutto, è rimasto il più grande rivenditore al mondo molto tempo dopo che i timori del predominio di Amazon erano diventati mainstream. L’automazione del magazzino, un obiettivo chiave di Amazon, stava avanzando, ma non lasciava ancora gli esseri umani fuori al freddo neanche con un po’ di immaginazione. Eppure Amazon ha recuperato terreno nel 2019 e, semmai, questa ondata di coronavirus potrebbe accelerare la sua supremazia sul mercato della vendita al dettaglio. Mentre 100.000 nuovi posti di lavoro su Amazon avranno un impatto minimo su un tasso di disoccupazione in aumento, è ciò che il cambiamento simboleggia che è degno di nota. La piccola impresa media ha abbastanza denaro a disposizione per operare per 27 giorni senza andare in crisi – quando la recessione del 2009 ha preso il via, sono andati persi quasi 2 milioni di posti di lavoro in piccole imprese locali. E oggi l’architettura dell’e-commerce online è molto più sofisticata e pronta ad assorbire i clienti. Questa volta, se le piccole imprese muoiono, molte potrebbero rimanere morte. Le librerie, per esempio, stanno già lottando per rimanere a galla, ed è passata solo una settimana. In particolare, Powell’s Books – da tempo l’alternativa indipendente principale ad Amazon, anche nelle vendite online – sta licenziando la maggior parte del suo personale con l’inizio del blocco del coronavirus.

Provoz Amazonu, Amazon, Dobrovíz, Internet, online shopping, business, Praha 24. 8. 2016. Foto Michaela Danelová

Amazon non è l’unica azienda tecnologica a vedere il boom degli affari durante la pandemia globale. Instacart, Walmart Grocery e Shipt stanno vedendo download da record, e Blue Apron, il servizio di consegna di kit per pasti in difficoltà, ha visto il suo stock salire del 70% martedì. Se i ristoranti, i bar e i negozi locali chiudono definitivamente mentre i giganti basati sulle app si impossessano dei clienti e dei posti di lavoro, la linea di tendenza può essere molto difficile da invertire mentre usciamo dalle macerie. E questo non è il futuro che vogliamo. Per prima cosa, Amazonificazione significa una maggiore dipendenza dal lavoro precario e a tempo parziale sotto forma di magazzinieri stagionali e altamente sostituibili o di autisti di consegna Flex, che fanno orari di lavoro estenuanti senza alcun beneficio. Abbiamo visto questo modello non solo in Amazon, naturalmente, ma anche in Lyft, Uber, Instacart e DoorDash, che, con l’inizio della diffusione del virus, hanno offerto ai lavoratori che non si sentivano bene la scelta tra mettere se stessi e gli altri a rischio andando al lavoro o rimanendo a casa senza retribuzione e senza alcun ammortizzatore. Dopo le proteste pubbliche e le pressioni politiche, aziende come Instacart si sono mosse per adottare alcune scarse misure di sostegno per i lavoratori malati: Possono maturare un congedo di malattia retribuito dopo ore di lavoro, e possono ottenere un congedo retribuito se ricevono un certificato ufficiale che certifichi che hanno contratto il Covid-19. Ma buona fortuna per mettere le mani su un test se non sei Tom Hanks o un giocatore di punta della NBA. Amazonificazione significa anche controllo monopolistico sulle piattaforme che possono creare o distruggere le attività commerciali per capriccio aziendale. Prendete l’annuncio dell’azienda che sospenderebbe le spedizioni di tutti gli articoli non essenziali, molti dei quali provengono da venditori terzi. È stato l’ennesimo colpo per innumerevoli piccole imprese e ha dimostrato il grande potere che Amazon ha sulle fortune delle aziende che contano sulla sua piattaforma per trovare clienti. È un buon esempio del perché il teorico Langdon Winner sostiene che “la tecnologia è legislazione”. Questa decisione ha conseguenze pesantissime per il sostentamento di migliaia di persone, ma solo Amazon controlla le regole. Ho contattato Amazon per cercare di capire quali sono i criteri per decidere cosa è un bene essenziale – e quindi in grado di essere venduto sulla sua piattaforma – e cosa non lo è. L’azienda non ha chiarito la distinzione a livello ufficiale. Ma abbiamo visto l’impatto drammatico che la decisione ha già avuto. Come ha scritto un venditore, “Amazon ha appena fatto fallire tonnellate di attività. Ha distrutto migliaia di posti di lavoro nel bel mezzo di una crisi”, secondo Vice. “Scherzo orribile. Scherzo assurdo. Nessun avvertimento. Aspettatevi grandi cause legali da parte dei venditori che ora andranno in bancarotta”.

Amazonificazione può anche significare alla fine un minor numero di posti di lavoro. L’azienda sta lavorando verso una visione dell’automazione progettata per ispirare la fiducia degli investitori, alimentare la fantasia pubblica e impedire ai lavoratori di agitarsi per ottenere salari più alti. Amazon ha detto che i suoi magazzini saranno completamente automatizzati entro il 2030 – e che si tratti o meno di un punto di riferimento è quasi fuori questione. Sta certamente investendo molto nella robotica e nel software di produttività. Alcuni compiti, come lo smistamento dei prodotti, sono già stati automatizzati, mentre altri, come il prelievo degli articoli dagli scaffali, non lo sono stati. Nel frattempo, la minaccia incombente della robotizzazione di massa deprime i salari, poiché i lavoratori sono dissuasi dall’organizzare e minacciati dalla sostituzione. E la promessa di un’automazione totale fa sì che il capitale di investimento continui a fluire. Dopotutto, un’azienda logistica perfettamente efficiente e priva di personale è la sostanza dei sogni proibiti dell’azienda. In pratica, molte aziende in Cina hanno colto la pandemia del coronavirus come un’opportunità per introdurre macchinari a risparmio di manodopera e nuove misure di automazione – le linee di fabbrica per le aziende con compiti di assemblaggio più semplici e i luoghi di lavoro con mansioni automatizzabili possono essere completamente trasformate entro la fine dell’epidemia. Anche aziende come Google stanno implementando l’automazione del software su larga scala.

Questo è il momento ideale per sperimentare l’automazione aziendale, dopo tutto – il lato negativo dell’introduzione di macchinari e programmi che sostituiscono i posti di lavoro è che tende a generare disordini e ansia sociale. Ma se tale ansia viene già massimizzata a causa di una certa pandemia globale, allora, ahimè, forse il vostro lavoro sarà consegnato ad un algoritmo prima che abbiate la possibilità di lamentarvene. (Questo potrebbe accadere anche se la macchina o l’algoritmo non è, di fatto, in grado di fare il vostro lavoro – un sacco di lavoro sarà affidato ad un’automazione di merda che gli esseri umani dovranno faticare per ripulire in seguito). Infine, l’amazonificazione comporterà la privatizzazione e il settore tecnologico che si impadronirà dei servizi pubblici come la sanità. Prima della crisi del coronavirus, Amazon aveva già avviato una massiccia operazione di assistenza sanitaria, in collaborazione con Berkshire Hathaway e Chase per lanciare una clinica di assistenza primaria per i dipendenti chiamata Amazon Care. Nel bel mezzo della pandemia, Amazon Care sta studiando come collaborare con la Gates Foundation per consegnare kit di test nello stato di Washington. Questa è forse l’invocazione più chiara di una dottrina dello shock tecnologico – il termine di Naomi Klein per indicare il modo in cui le aziende usano il disorientamento generale di fronte a uno shock collettivo per promuovere i loro obiettivi. Un’azienda tecnologica privata che riscrive le regole al volo, colmando un vuoto lasciato dal disastro e dall’inettitudine del governo, e potenzialmente stabilendo una nuova norma in questo processo: Amazon che facilita le operazioni di assistenza sanitaria. Inutile dire che il trasferimento dei servizi pubblici alle imprese a scopo di lucro raramente è di buon auspicio, soprattutto quando si tratta di questioni di salute umana. (Vedi: Flint, Michigan). Ma questo potrebbe essere parte integrante della nostra nuova realtà economica se lo cedessimo ad Amazon e alla sua speculazione in mezzo alla nebbia e alla confusione provocata dal coronavirus. Non è difficile guardare all’esito immediato delle misure di distanziamento sociale del coronavirus – le vetrine e i ristoranti chiusi e i fattorini parcheggiati fuori dalle cucine fantasma per il catering di GrubHub – e vedere un futuro in cui una consolidata Amazon domina il commercio al dettaglio e online in misura ancora maggiore di quanto non sia oggi. Conosco personalmente almeno una mezza dozzina di persone che hanno già perso il lavoro e il posto di lavoro, alcune delle quali attualmente contano sugli sfratti congelati per rimanere a casa con le loro famiglie. Per molti, la pandemia stessa sarà probabilmente solo la prima fase della catastrofe.

Proprio come il coronavirus può averci dato un’anteprima della prospettiva futura della struttura del lavoro dei colletti bianchi auto-isolati, anche il modo in cui le imprese e i consumatori reagiscono alla pandemia può essere foriero del futuro del lavoro salariato. Ovvero, potrebbe essere ancora più distribuito, precario, governato algoritmicamente, parzialmente automatizzato e realizzato al servizio di una manciata di aziende tentacolari. Le aziende che si sono liberate dei dipendenti, hanno automatizzato i ruoli e hanno ripreso il lavoro con gli operai, potrebbero non riassumere mai i lavoratori che hanno perso. L’economia potrebbe essere dominata dal lavoro precario, dalle piattaforme tecnologiche monopolistiche e dai sistemi semiautomatizzati in misura ancora maggiore di quanto non sia ora. E allora l’Amazonificazione del pianeta sarà completa.


L’articolo è stato pubblicato inizialmente il 19 marzo nella rubrica OneZero di Medium.