La classe e la sfida del COVID-19

La classe e la sfida del COVID-19

La classe e la sfida del COVID-19

1280 853 Joseph McCartin

Il COVID-19, il coronavirus che si sta diffondendo in tutto il mondo, sta seminando il caos tra i lavoratori e le loro famiglie. Settimane dopo la sua diffusione sulla scena mondiale, la fine di questa minaccia mortale non è ancora in vista. Anche se è chiaro che il suo numero di morti non si avvicinerà a quello della letale epidemia mondiale di influenza spagnola del 1918-19, i primi segnali indicano che il virus COVID-19 potrebbe finire per infliggere danni economici e politici ancora maggiori di quelli della precedente pandemia. Il suo impatto rivelerà probabilmente con maggiore chiarezza di quanto non si sia visto da tempo le linee di classe che dividono la nostra società e i costi reali di decenni di ineguaglianza sempre più profonde.

Non si può sfuggire alla dimensione di classe dell’epidemia di COVID-19, perché è molto probabile che i lavoratori saranno colpiti sia dal virus che dagli sforzi per contenere la sua diffusione. Il modo in cui si guadagnano da vivere espone necessariamente molti lavoratori al rischio di contrarre la malattia. Alcuni – come gli infermieri e i lavoratori a domicilio – si mettono a rischio in prima linea assistendo i malati. Più di un terzo dei 180 lavoratori del Life Care Center di Kirkland, Washington, la casa di cura di Seattle, dove tredici pazienti sono morti di COVID-19, sembrano aver contratto il virus. Altri lavoratori – tra cui assistenti di volo, insegnanti e addetti alla ristorazione – lavorano in ambienti altamente interattivi dove il virus può essere facilmente contratto e trasmesso. Se contraggono il virus, le persone della classe operaia hanno maggiori probabilità di morire a causa di una delle condizioni mediche di base che rendono il COVID-19 molto più letale dell’influenza: malattie cardiache, diabete e malattie polmonari. Inoltre, se si sentono male, è più probabile che i lavoratori statunitensi ritardino la visita medica perché non hanno un’assicurazione sanitaria o perché hanno un alto costo di ticket che li scoraggia dal farsi curare.

Anche gli sforzi per contenere la diffusione del COVID-19 hanno una dimensione di classe. Come hanno scoperto i cinesi e gli italiani, i luoghi di lavoro contengono punti di trasmissione naturale del virus. Per contenere la diffusione del COVID-19, il governo cinese ha adottato severe misure di quarantena che hanno impedito a quasi 300 milioni di lavoratori migranti di tornare al lavoro dopo le celebrazioni del Capodanno cinese, bloccando l’economia manifatturiera della nazione per tre settimane. L’Italia ha fatto lo stesso. La Fiat Chrysler ha chiuso gli stabilimenti in Italia mentre il virus si diffondeva. I lavoratori del settore manifatturiero e dei servizi in tutto il mondo non possono “telelavorare” come molti colletti bianchi o professionisti in tutto il mondo stanno iniziando a fare. I lavoratori interinali hanno molte più probabilità di perdere reddito rispetto ai lavoratori salariati nelle prossime settimane di “distanziamento sociale”. Secondo il New York Times, il disegno di legge di soccorso emanato dalla Camera il 14 marzo garantisce il congedo per malattia solo al 20 per cento dei lavoratori americani. Tra quelli ancora vulnerabili vi sono gli indipendenti o i lavoratori della gig economy. Come spiega Steve Gregg, autista Uber e Lyft a San Francisco, non è “in grado” di smettere di guidare nonostante i lievi attacchi di panico per la paura di un’infezione. Deve lavorare per mantenere la sua famiglia. Troppi lavoratori come Gregg sono ancora nella posizione di dover decidere tra la rovina finanziaria personale e l’accelerazione della diffusione di una pandemia mortale.

Nel loro classico studio del 1929 Middletown, Helen e Robert Lynd osservano che le linee di classe che separano i quartieri della classe operaia da quelli della classe media negli anni Venti di Muncie, nell’Indiana, erano più visibili prima dell’alba: le case della classe operaia accendono per prime le luci quando i loro occupanti si alzano per affrontare la giornata lavorativa che inizia prima di quella della “business class”. Nelle settimane a venire, le linee di classe che dividono l’America di oggi potrebbero diventare più visibili intorno a chi deve ancora arrischiarsi al lavoro e chi può lavorare in sicurezza da casa.

Ma le crisi possono anche essere opportunità. Per quarant’anni, gli americani sono stati sottoposti al rullo di tamburi del fondamentalismo libertario del mercato, l’affermazione, ripetuta all’infinito, che l’azione del governo non poteva che aggravare i problemi. “Le nove parole più terrificanti in lingua inglese sono: Sono del Governo, e sono qui per aiutare”, scherzava Ronald Reagan nel 1986. Chi ride ora di quella battuta?

Le crisi come quella attuale hanno un modo per smascherare la malafede di imperatori senza armatura e dei loro tirapiedi. Se da un lato gli impatti di guerre, depressioni ed epidemie tendono a differenziarsi lungo le linee di classe, dall’altro rendono illusorie anche le ideologie che affondano le loro radici nell’individualismo atavico. Mentre esigono competenza e una leadership intelligente, crisi di questo tipo non possono essere risolte da “cari leader” che impartiscono ordini. Sia i loro andamenti che le loro conseguenze trascendono l’individuo; esigono una mobilitazione di massa e un’azione collettiva in nome del bene comune.

Anche se non abbiamo scelto questo momento, è in nostro potere decidere come affrontarlo. Potremmo inasprire le divisioni e partire con la folle impresa di costruire una “Fortezza America”, come esorta il nostro presidente ossessionato dal muro, etichettando cinicamente il contagio come un “virus straniero”. Oppure potremmo usarla come un’opportunità per costruire comunità, forgiare solidarietà, rilanciare l’internazionalismo e rinnovare l’edificio fatiscente della democrazia.

La cultura operaia e i movimenti dei lavoratori hanno portato a lungo nel loro DNA l’antidoto a ciò che ora ci minaccia. La pandemia di COVID-19 ci ricorda la verità senza tempo del principio un tempo reso popolare dal Nobile e Santo Ordine dei Cavalieri del Lavoro, la più grande organizzazione operaia dell’America del XIX secolo: Il dolore di una persona deve essere la preoccupazione di tutti. Se abbracciamo quell’antico ideale, non solo possiamo ridurre la potenziale letalità di COVID-19, ma possiamo cominciare a costruire un mondo più resistente alle piaghe del futuro.


Joseph A. McCartin (@josephmccartin) is a Professor of History at Georgetown University, where he directs the Kalmanovitz Initiative for Labor & the Working Poor.

The article has originally published here.